Liceo Scientifico Statale Arturo Tosi > Archivio contenuti > Attività e progetti > XXV edizione delle Giornate FAI di Primavera
Ultima modifica: 25 marzo 2017

XXV edizione delle Giornate FAI di Primavera

[ 25 marzo 2017 a 26 marzo 2017. ]

Sabato 25 e Domenica 26 marzo 2017 si svolgeranno anche a Tradate le Giornate FAI di Primavera, il grande evento nazionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Le Giornate FAI di Primavera costituiscono, in tutta Italia, un’occasione straordinaria per l’unicità dei luoghi aperti per l’occasione e per l’entusiasmo e la passione degli “Apprendisti-Ciceroni”, che riescono a coinvolgere il numeroso pubblico.

Il nostro Liceo ci sarà anche quest’anno! Gli alunni “Apprendisti-Ciceroni”, guidati dai Professori Anna Marinoni e Francesco Muollo, accompagneranno i visitatori alla scoperta di Palazzo Pusterla – Melzi

25 marzo 2017a26 marzo 2017

Sabato 25 e Domenica 26 marzo 2017 si svolgeranno anche a Tradate le Giornate FAI di Primavera, il grande evento nazionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Le Giornate FAI di Primavera costituiscono, in tutta Italia, un’occasione straordinaria per l’unicità dei luoghi aperti per l’occasione e per l’entusiasmo e la passione degli “Apprendisti-Ciceroni”, che riescono a coinvolgere il numeroso pubblico.

Il nostro Liceo ci sarà anche quest’anno! Gli alunni “Apprendisti-Ciceroni”, guidati dai Professori Anna Marinoni e Francesco Muollo, accompagneranno i visitatori alla scoperta di

Palazzo Pusterla – Melzi

La nobile famiglia Pusterla rilevò l’antico castello tradatese nel XV secolo e lo trasformò in grande villa residenziale nel corso del XVII secolo. A ricordare l’importanza dei Pusterla restano l’imponenza del complesso, il grande giardino all’italiana, alcuni saloni affrescati, tra i quali si distingue il Salone delle Feste, ove sono raffigurate le maggiori personalità della famiglia: un’opera grandiosa dovuta, secondo la tradizione, a Federico Bianchi o a Salvatore Bianchi, pittori varesini attivi tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700. Si affianca al palazzo la Chiesa di Santa Maria in Castello, che conserva la trecentesca tomba di Tommaso Pusterla, opera di maestri campionesi.

 


Torna su