L’addio all’Aeronautica di Samantha Cristoforetti

Il 2 Gennaio 2020 l’astronauta Samantha Cristoforetti si è ufficialmente congedata dall’Aereonautica.

Nata a Milano nel 1977, cresciuta a Malè, inizia la sua carriera come pilota dell’Aereonautica nel 2001, arrivando fino al ruolo di capitano. Nel 2009 viene selezionata nel programma di addestramento degli astronauti dell’ESA e, dopo 5 anni, diventa la prima astronauta donna di nazionalità italiana ad andare in orbita, dove rimane, per 199 giorni consecutivi, nella Stazione Spaziale Internazionale (Iss).

L’astronauta ha voluto spiegare le sue ragioni attraverso Twitter, scrivendo: “Ho avuto modo di esprimere alla Forza Armata, nelle sedi appropriate, il mio disaccordo riguardo ad alcune situazioni e, contestualmente, ho ritenuto per coerenza e per mia serenità di congedarmi” e prosegue: “In schiettezza reciproca e senza alcuna polemica”. Fa chiarezza anche su altre motivazioni, escludendo quelle legate al sessismo: “Non mi sento oggetto di discriminazione di genere. Non posso entrare nella testa delle persone ed è vero che siamo tutti pieni di pregiudizi, ma io non ho motivo concreto di lamentare alcuna discriminazione di questo tipo”. Da quanto emerge, non sono presenti motivi economici, né ricerche di altri impieghi se non restare nell’Esa: nei progetti futuri di Samantha c’è sempre lo spazio.

Per meno di mezz’ora si è trattenuta nella sede trevigiana, dove il comandante Massimo Pasqua ha eseguito la procedura di congedo prestabilita, consegnandole il simbolo del reparto e accompagnandola nel saluto alla Bandiera di Guerra del suo 51° Stormo.

“Grazie a Samantha Cristoforetti per il suo servizio all’Italia” scrive subito dopo in una nota il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini; l’ha inoltre ringrazia per il servizio che ha prestato all’Italia, evidenziandone la continuità in altri campi e definendola una risorsa per il Paese.

Anche AstroSamantha conclude il suo Tweet di addio alle armi dicendo: “A tutte le donne e a tutti gli uomini dell’Aeronautica Militare e delle Forze Armate il mio grazie, da cittadina italiana, per il servizio che prestano al Paese. Sono stata orgogliosa di essere stata una vostra collega”.

Dopo un così imprevedibile addio, possiamo solo aspettare per vedere cosa ci riserverà in futuro questa tenace astronauta.

                                                                                                                                              Emma Maini 1B

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 9.5/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: +1 (from 1 vote)
L'addio all'Aeronautica di Samantha Cristoforetti, 9.5 out of 10 based on 2 ratings

Lascia il tuo commento per primo

Rispondi

L'indirizzo email non sarà pubblicato.