Una Maturità impossibile?

“Questa Maturità non s’ha da fare” sarebbe il pensiero della maggior parte dei maturandi italiani, fortemente contrari all’Esame di Stato, i quali ormai sperano in una specie di miracolo, arrivati a questo punto dell’anno.

Quello che oggi chiamiamo “Esame di Stato” – tra l’altro più e più volte sottoposto a modifiche a seconda delle istanze socio-culturali, o delle utopie politiche di ciascuna diversa epoca – sembra solo un espediente per assegnare un’ulteriore valutazione a studenti che sono già stati valutati per cinque anni di Scuola Superiore. Se sono giunti alla fine di questo lungo percorso, è perché sono stati presumibilmente in grado di dimostrare quella Maturità scolastica pretesa dai loro Professori. Considerata la drammatica situazione di questi ultimi mesi, forse dovremmo renderci conto di come l’attuale scenario della Maturità appaia piuttosto inaccettabile. Ad esempio, agli studenti di Quinta di tutta Italia risulta poco chiaro  il motivo per cui, nonostante le innumerevoli richieste, al Ministero dell’Istruzione sembra importi assai poco di quelle che, in effetti, sarebbero le persone da tutelare per prime, ovvero gli studenti stessi.

È quasi incalcolabile il numero di raccolte di firme lanciate sul Web per annullare la Maturità, messaggi diretti al Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, pagine sui Social il cui scopo è, appunto, chiedere aiuto allo Stato per trovare una via di fuga da questa situazione insostenibile. Non si deve generalizzare, ma ci sono casi in cui le difficoltà sussistono veramente e non ammontano a mere scuse per non studiare: da chi non vede i propri genitori da mesi perché costretti negli ospedali, a chi non ha connessioni stabili e, quindi, fatica a tenere gli adeguati contatti durante le lezioni on-line. Ancor più contraddittorio è il fatto che si sia annullato l’Esame di Terza Media, comunque meno importante, ma si continuino a fare i salti mortali per la Maturità.

Il Ministro Azzolina ha affermato, in un’intervista, di ritenere di fondamentale importanza la possibilità di un Esame in presenza, ovvero in una classica aula di scuola, nel tradizionale faccia a faccia tra professori e alunno, ma ne vale proprio la pena? I rischi, seppur minimi, ci sono. Dall’altra parte, sostenere la Maturità on-line potrebbe essere inefficace per eventuali breakdown della rete Wi-Fi, piuttosto che per le ovvie interferenze varie che comprometterebbero quindi il buon svolgimento dell’Esame.

Se l’Esame di Stato può servire per verificare che lo studente sia giunto alla maturità intellettuale adatta per inserirsi nel mondo universitario o lavorativo, che questo virus non ci abbia già reso più consapevoli?

Edoardo Furlanetto 5D

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 5.5/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: +1 (from 1 vote)
Una Maturità impossibile?, 5.5 out of 10 based on 2 ratings

Lascia il tuo commento per primo

Rispondi

L'indirizzo email non sarà pubblicato.