Passer.

Poesia canonica con note metrico-stilistiche

O caro Passer, godimento per la mia fanciulla,          (15 sillabe)

stanco di svolazzar errando, immobile                       (13)

e rigido, di fronte a lei ti fermi.                                    (11)

Tu, grande fascino, provochi                                       (9)

piacer sfiorando-le labbra.                                           (8)

Non smetter di vagare                                                 (7)

nell’ambiente caldo                                                      (6)

umido sempre più:                                                       (6)

qua e là, su e giù.                                                      (4/5)

 

Tu, tra prolissi itinerari,                                                (9)

durature doti e infinita                                                (10)

quanto irresistibile resistenza…                                 (11)

 

non mi deludere:                                                         (6)

continua a volare!                                                        (6)

Alessandro Pastorella 5B

SPIEGAZIONE TECNICA USATA

  1. Ripresa della poesia di Catullo sul Passer, mantenendo lo stesso grado di ambiguità.
  2. La poesia segue una metrica libera. Nonostante questo, il numero di sillabe per verso è stato studiato e segue una logica.
  3. La prima strofa incomincia con un lungo verso e, piano piano, i versi vanno “sgretolandosi”, sia visivamente, sia sillabicamente, perché il Passer si dice che vaga e quindi piano piano è come se si allontanasse: più prosegue il suo viaggio e meno diventa visibile allo spettatore.
  4. La seconda strofa, invece, prosegue in senso opposto, dal verso più corto a quello più lungo. La decisione di iniziare il secondo verso staccato è voluta, poiché sillabicamente il verso è più lungo del precedente, ma visivamente questo non era abbastanza denotabile. La scelta di proseguire in senso inverso è per dare l’idea di durata.
  5. Infine, nell’ultima strofa si ritrova l’equilibrio.
  6. Scelte lessicali: “fascino” usata nel senso latino di fascinus, “sfiorando-le” per dare una doppia lettura “sfiorandole” o “sfiorando le”, “prolisso” usato alla latina “prolixus” in modo tale che può avere tanti significati insieme “lungo, largo, alto, esteso, ampio, propizio, prospero”.
  7. Figure retoriche: alcuni enjambements, ossimoro “irresistibile resistenza” irresistibile nel senso che è dotato di forza di persuasione e attrazione. “…” usati per dare un’idea di infinito.
  8. L’uso di “caldo umido” è scientifico poiché l’aria con più vapore acqueo assorbe più calore.
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia il tuo commento per primo

Rispondi

L'indirizzo email non sarà pubblicato.