Pirati Dei Caraibi di Jarrod Radnich.

Esperimento n°14 di traduzione a parole di un brano musicale

L’Assolo con il piano.

Il carattere generale dell’opera è vivace e allegro, ma in certi punti diventa anche drammatico, tutte caratteristiche accettabili, siccome è una base usata principalmente nelle battaglie.

La musica si può dividere in sei parti, siccome cambia o timbro, o proprio la struttura della melodia.

La prima parte è come se fosse una introduzione, dato che utilizza una composizione di note che poi si ripeteranno. Quindi inizia a dare un ritmo che poi verrà incrementato o diminuito a seconda se si vuole dare un effetto più cupo o più vivace.

Nella seconda parte il timbro diventa più acuto e trasmette una sensazione non di pericolo, ma comunque che fa stare attenti, come se stesse per accadere qualcosa.

Infatti, la terza parte diventa molto più lenta e più bassa, cambiando anche melodia, siccome quest’ultima muta e si usano note più tranquille che quasi rilassano. Questa terza parte è fatta apposta per far spiccare la quarta, che è molto “burrascosa” e veloce, per poi diventare più lenta, ma cupa. Trasmette ansia e fa stare molto attenti.

La quarta parte sembra molto riuscita, perché viene alternata una melodia molto simile alla prima e alla terza, che fa un effetto di alti e bassi e di confusione, come se ci fossero degli spiragli di luci e di buio.

La quinta parte, invece, riprende molto la prima, quando è presente sempre una melodia alternata con una parte veloce. La sesta e ultima parte viene collegata così, aumentando l’intensità delle note e aumentando leggermente il ritmo, come se si stesse concludendo una battaglia.

Questa musica appare molto ben riuscita ed efficace per lo scopo per cui è stata creata, perché richiama molto quello che poi è il film.

Pietro Notari 4G

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia il tuo commento per primo

Rispondi

L'indirizzo email non sarà pubblicato.