Interiorità.

Piccola poesia sdrucciola sperimentale.

Nel pensier mio, mantengo le redini

dell’irrazionale piccola anima

insita nella mia nuova lirica

di ignota origine.

 

Flussi fumi-di coscienza fremono

attraverso il goffo corpo, reduce

da cicatrici profonde: leggete

il mio futuro, esile.

 

Brivido respiro del mio vivere,

inalo un’emozione che naviga

come un battello nel mare mitico

dell’essere placido.

Alessandro Pastorella 5B

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia il tuo commento per primo

Rispondi

L'indirizzo email non sarà pubblicato.