Maturità 2022: ultimi dettagli.

Finalmente, dopo un lungo periodo di cambiamenti e decisioni precarie, siamo arrivati a una decisione definitiva! La Maturità 2022 si dividerà nei seguenti punti:

  1. AMMISSIONE ALL’ESAME. Come sempre, a decidere l’accesso o l’esclusione dall’Esame di Maturità è il Consiglio di Classe che, durante gli scrutini di giugno, verifica la presenza dei seguenti requisiti:  il voto di tutte le materie (il voto minimo è la sufficienza ma, secondo il DL 13 aprile 2017, n162, “nel caso di votazione inferiore a sei decimi in una disciplina o in un gruppo di discipline, il Consiglio di Classe può deliberare, con adeguata motivazione, l’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo”), il voto in condotta (non deve essere inferiore al 6), le assenze (frequenza per almeno tre quarti del monte ore annuale), la partecipazione alle prove Invalsi 2022, che si sono svolte a marzo, il completamento delle ore di PCTO.
  2. PRIMA PROVA. Si svolgerà mercoledì 22 giugno 2022, il giorno del primo scritto di italiano, che sarà uguale per tutti i maturandi indipendentemente dall’indirizzo di studio. Andrà scelta una traccia tra quelle messe a disposizione del Miur, da svolgere in un massimo di 6 ore con il solo aiuto del vocabolario d’italiano. Ecco le tre tipologie di tracce tra le quali scegliere. Tipologia A: due possibili analisi del testo, che possono essere un brano di prosa, o una poesia di un autore italiano vissuto nel periodo compreso dall’Unità di Italia ad oggi. Tipologia B: testo argomentativo, new entry dell’anno scorso. Questa tipologia presenta a sua volta tre tracce, che possono essere d’ambito: artistico, letterario, filosofico, storico, economico, sociale, tecnologico, scientifico. Il MIUR ha stabilito che una sarà obbligatoriamente d’ambito storico. Tipologia C: traccia del tema di attualità o “tema d’ordine generale”. Quest’anno il Miur fornirà due tracce d’argomenti vicini alle esperienze dei maturandi. Le tracce verranno rese note solo dopo lo svolgimento della prima prova, ma ci si può fare un’idea di quelle più papabili a partire dagli anniversari letterari, storici, artistici e scientifici che ricorrono durante l’anno scolastico.
  3. SECONDA PROVA. Il secondo scritto è diverso per ogni indirizzo di studio e si svolge nello stesso giorno in tutta Italia (il 23 giugno 2022). Secondo il Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n.62, la seconda prova è multidisciplinare: può comprendere due o più materie caratterizzanti di un indirizzo di studio. I maturandi del Liceo Scientifico dovranno affrontare una prova sia di Matematica, sia di Fisica, che per l’anno corrente verrà predisposta da ciascun istituto.
  4. PROVA ORALE. Partirà con la discussione multidisciplinare di un argomento presente nella lista dei materiali preparati precedentemente dalla commissione. Si prosegue con l’esposizione dell’esperienza di PCTO – ex alternanza scuola lavoro -, con l’eventuale collegamento con la parte di Educazione Civica e con la correzione delle prove scritte.
  5. RELAZIONE PCTO. Si dovrà presentare una relazione schematica sul percorso di PCTO, che verrà esposta in non più di 5 minuti, ricercando un minimo di originalità rispetto agli altri componenti della classe, che ovviamente avranno seguito lo stesso percorso.
  6. COMMISSARI MATURITÀ. La Commissione regolarmente è mista per tutte le scuole italiane, ma non lo sarà eccezionalmente ancora per l’anno in corso. Sarà formata da insegnanti, ad eccezione del Presidente, che sarà esterno.
  7. VOTO MATURITÀ: COME SI CALCOLA. Al Credito Scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 50 punti. Per quanto riguarda le prove scritte, a quella di Italiano saranno attribuiti fino a 15 punti, alla Seconda Prova fino a 10, al colloquio fino a 25, con gli eventuali 5 punti di bonus che la commissione può decidere di aggiungere.

La vera domanda che tutti gli studenti e i genitori si stanno ponendo è se questo ritorno alla “normalità” dopo due anni in DaD che, come si è potuto appurare, ha mostrato il fianco a parecchie facili critiche, possa rendere possibili dei risultati positivi per la maggior parte dei Candidati. Non dubitando che la Commissione terrà in debito conto le difficoltà riscontrate durante questi anni inusuali, ci si augura che ogni studente riesca comunque a dare il meglio di sé, senza dimenticare che il voto finale conterà assai meno del processo di crescita che sta avvenendo in ciascuno e che le ultime settimane di studio e di tensione non mancheranno di perfezionare.

Alessandro Gardin 5B

VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.16_1159]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia il tuo commento per primo

Rispondi

L'indirizzo email non sarà pubblicato.